closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le espulsioni forzate mascherate da rimpatri volontari

Marocco. Le associazioni per i diritti umani denunciano le azioni del governo contro i migranti

Persone ammassate nel seminterrato del commissionato di Tangeri in una foto dell'Associazione Gadem (Gruppo antirazzista di difesa di stranieri e migranti)

Persone ammassate nel seminterrato del commissionato di Tangeri in una foto dell'Associazione Gadem (Gruppo antirazzista di difesa di stranieri e migranti)

Si terranno a Marrakech, l’11 e 12 dicembre, l’undicesimo Forum globale sulla migrazione e lo sviluppo e la Conferenza intergovernativa sull’immigrazione, durante la quale gli stati membri delle Nazioni Unite adotteranno il "Patto globale per una migrazione sicura e regolare". DUE APPUNTAMENTI che confermano la centralità sempre maggiore che il Marocco va assumendo all’interno della cosiddetta questione migratoria, complice anche il blocco della rotta balcanica e la politica di chiusura adottata dall’Italia. Una centralità per cui Rabat è diventata in poco tempo un interlocutore privilegiato per l’UE, con la Spagna a fare da capofila in trattative e discussioni. È in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi