closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Le donne della sinistra spagnola colmano un vuoto di rappresentanza

Spagna. La femminilizzazione di Podemos è la strada giusta. La domanda è se questo sarà anche sufficiente. La sconfitta alle elezioni di Madrid ha seminato scetticismo

Yolanda Diaz

Yolanda Diaz

Il quarto congresso di Podemos si può riassumere in poche righe: con l’uscita di scena di Pablo Iglesias è stato avviato un profondo ricambio generazionale, dal volto quasi solo femminile. Più marginali appaiono le decisioni sulla linea politica, che confermano sia la scelta di stare nel governo di coalizione progressista, sia quella di considerare Podemos non autosufficiente, ma parte dello spazio politico di Unidas Podemos, in cui confluiscono Izquierda Unida, i catalani di En Comun Podem, gli ecologisti di Alleanza Verde oltre a numerose espressioni dei movimenti sociali che sui territori hanno dato vita alle Maree. Sarà Yolanda Diaz, comunista,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.