closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Le domande «politiche» non sono mai neutre

INCONTRI. Da lunedì all’università di Torino il «Seminario Diritto Lgbtq+». Un'intervista con Antonio Vercellone, tra gli organizzatori e

È rivolto a studentesse e studenti di giurisprudenza dell'Università di Torino, ma è fruibile da chiunque. Facendo di necessità virtù, il Seminario Diritto Lgbtq+ abbatte i muri dell'accademia attraverso la piattaforma Webex dell'ateneo subalpino, così come si propone di abbattere i conservatorismi culturali. Da lunedì, undici lezioni per affrontare organicamente la condizione delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e queer sotto la lente del diritto: dalle unioni civili alla gestazione per altri, dal diritto di asilo al contrasto all'omofobia, le questioni aperte ci sono tutte (informazioni www.giurisprudenza.unito.it). Artefice del seminario, insieme al penalista Marco Pelissero, è Antonio Vercellone, assegnista di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi