closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Le città si muovono

Era il 2009 quando l'Associazione Luca Coscioni con Beppino Englaro, Carlo Lizzani, Emma Bonino, Marco Pannella e Mario Staderini, consegnò in Campidoglio 8.265 firme di cittadini romani per l'istituzione di un registro dei testamenti biologici attraverso una proposta di delibera popolare. Per giungere alla calendarizzazione dell'atto, che per Statuto dovrebbe avvenire entro sei mesi dal deposito, è stata decisiva l'azione del consigliere radicale Riccardo Magi il quale è dovuto ricorrere al Prefetto di Roma segnalando la violazione da parte dei Presidenti dell'Assemblea: Pomarici per l'amministrazione Alemanno e Coratti per quella Marino. La violazione, in questo caso, è stata tanto più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi