closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Le cicatrici umane di Lin Hsin-i

Negli ultimi anni la scena cinematografica taiwanese, specie quella relativa al documentario, sta offrendo lavori interessanti, sia dal punto di vista formale che per quel che riguarda gli argomenti trattati. Una regista e artista che si sta facendo notare nei circuiti festivalieri internazionali con i suoi film a metà strada fra non-fiction e sperimentazione è Lin Hsin-i, autrice nel 2015 di «3 Islands» e quest’anno del mediometraggio «Letter #69». Si tratta di due lavori che esplorano dei momenti storici e di rottura importanti, cicatrici geografiche e umane che ancora risuonano nella contemporaneità. «3 Islands» intreccia le immagini e il tragico...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.