closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le chiavi del potere degli Husseini

Palestina . Politici, religiosi, intellettuali, proprietari terrieri, la famiglia è stata percepita come la spina dorsale dello sviluppo economico e culturale palestinese

Sono le 4 di mattina, a Gerusalemme fa ancora buio. Aden Jawad Joudeh al-Husseini percorre la breve distanza che separa la sua casa dall’appuntamento che scandisce ogni suo giorno. In mano una chiave di metallo di 20 centimetri: è la chiave che apre da nove secoli la Basilica del Santo Sepolcro, ricostruita nel 1128 dopo la distruzione ordinata dal califfo al-Hakim. Ad affidarla nel 1187 alla famiglia Husseini fu Saladino: scelse dei musulmani per impedire che la Basilica venisse vandalizzata, dando vita a un legame unico sulla terra da millenni culla delle tre religioni monoteiste. «Custode delle chiavi della basilica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.