closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

«Le chiacchiere stanno a zero». Tregua armata dopo la tempesta

Governo. Di Maio dimentica lo sgarbo a Conte e lo prega di fare la pace con Salvini. A pranzo la finta riconciliazione con il capo leghista

Salvini e Di Maio in aula

Salvini e Di Maio in aula

Lo spettro della crisi si allontana. Lo si percepisce a pelle dai vicendevoli inviti a smettere da litigare, un «Vogliatevi bene» inaugurato da Di Maio che esorta Salvini e Conte a smettere di litigare. Come se ai ferri corti col premier non ci fosse arrivato anche il suo partito. La tregua è confermata dal primo incontro diretto tra i vicepremier da due settimane: al termine entrambi assicurano che è andato bene. Mancava il triumviro di palazzo Chigi, Conte, ed è un'assenza che sarebbe impossibile non notare: si trovava a pochi metri di distanza. Segno che le tensioni continuano a correre...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.