closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Le Canarie rischiano di diventare la nuova Lesbo

Migranti. Nel punto più a sud dell'Area Schengen va in onda un film già visto: sbarchi in aumento, migranti intrappolati, tensioni crescenti, nuovi campi profughi

Le tende montate nel cortile di una scuola a El Laso, Las Palmas, per accogliere i migranti

Le tende montate nel cortile di una scuola a El Laso, Las Palmas, per accogliere i migranti

Trasferire mille migranti «in continente» e mostrare con i dati che non esiste alcun allarme sicurezza. Sono le due azioni intraprese dalle autorità spagnole per provare ad allentare le crescenti tensioni che agitano l’arcipelago delle Canarie e in particolare l’isola di Gran Canaria. Situate poco più a nord del Tropico del Cancro di fronte alle coste del Marocco e vicino a quelle del Sahara Occidentale, questi spicchi di terra vulcanica che emergono dall’oceano Atlantico rappresentano la porzione più meridionale dell’Area Schengen. «Sulle isole ci sono oltre 2mila minori stranieri non accompagnati e circa 9mila adulti, accolti in diverse strutture», ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi