closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

Le «bioresistenze» alle colture dominanti

Il valore sociale dell’agricoltura ecosostenibile. La doppia sfida dei nuovi contadini. In Italia sono 200 mila gli ettari di terreni convertiti in produzioni pulite. Gli operatori certificati sono 50 mila

E' possibile affermare il valore sociale di un ortaggio, un legume, una mela della Val di Non o un antico grano del Cilento? Come fare perché il ritorno alla terra non sia un paradigma neotradizionalista, velleitario per giunta in un paese che ha dismesso i saperi agricoli e consegnato il suo suolo all’edilizia casalinga o palazzinara? È possibile riorganizzare una resistenza intorno a ciò che abbiamo perduto e su quali basi? Ai tempi dell’Unità l’Italia era un paese per il 90 per cento agricolo e ancora nel 1943, ricorda Vezio de Lucia nel suo Nella città dolente, un bombardiere della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.