closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le «battute surreali» di Putin: bufera sull’ex ministro degli esteri Sikorski

Polonia. L'ex ministro degli esteri: Putin mi disse che Leopoli è polacca. Poi ritratta: cattiva memoria

Radek Sikorski

Radek Sikorski

Non è un bel periodo per Radoslaw Sikorski, ex ministro degli esteri polacco e presidente del Sejm (il parlamento). Tribolazione e attacchi frontali dagli oppositori (si è dovuto difendere anche dal fuoco amico). Era il delfino di Donald Tusk, la punta di diamante di Platforma obywatelska (Po) - il partito «business friendly» che governa dal 2007 – almeno fino allo scorso giugno, quando è scoppiato il «tapegate», lo scandalo delle registrazioni che lo ha visto protagonista. In una di queste registrazioni «clandestine», effettuate all’insaputa dei diretti interessati in un ristorante di Varsavia, «Radek» Sikorski si è lasciato scappare dure critiche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.