closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Le associazioni contro le modifiche alla Via

Territorio. Il decreto del governo Gentiloni cambierà in peggio la Valutazione d’impatto ambientale, producendo «accentramento, sanatorie e regali alle lobby»

Una piattaforma

Una piattaforma

Contro il governo, che vuole escludere i cittadini e gli enti locali dall’esprimere il proprio parere nella Valutazione impatto ambientale (Via) delle grandi opere pubbliche, centinaia di associazioni, in tutta Italia, lanciano l’allarme. Nel dossier Questa non è la Via spiegano le criticità del decreto proposto per le nuove procedure di Valutazione di impatto ambientale, che in teoria dovrebbe limitarsi a recepire una direttiva comunitaria del 2014. Una riforma ritenuta «pericolosissima». «Meno partecipazione, accentramento, sanatorie e regali alle lobbies. Il governo Gentiloni - viene denunciato nel documento - intende mettere il bavaglio a quanti vogliono parlare e capire». Su diversi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi