closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Le alleanze locali con il partito dei padroni

Sinistra. Vendola al manifesto di fatto ripropone la sua metafora dell’anguilla. Vuole cioè restare sempre in contiguità con il Pd. Ma la costruzione di una forza politica di antitesi al renzismo non può passare per una coalizione con l’elemento centrale delle forze del governo attuale. Neanche nelle città

Nell’intervista a Nichi Vendola pubblicata su questo giornale il 16 ottobre scorso su alcune questioni, e non certo secondarie, le parole si sono chiarite. Su altre, invece, mi sembra permangano tracce evidenti di una metafora teorizzata qualche tempo fa da lui stesso: la metafora dell’anguilla. «Non voglio essere lo scorpione sulla spalla del Pd, ma neppure un grillo parlante o un camaleonte. Dobbiamo essere un’anguilla nei confronti del Pd per sfuggire alla cattura di chi ci vuole portare indietro». Sulle spalle, vicino alle orecchie, o sgusciante tra le mani, comunque sempre in contiguità col Pd, perché c’è il pericolo di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi