closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Le adesioni all’Isis inquietano i palestinesi di Israele

Israele/Territori Occupati. In aumento il numero dei palestinesi israeliani che hanno abbandonato la loro terra per andare a combattere dalla parte dello Stato Islamico

Il medico palestinese israeliano Othman Abu al Kiyan

Il medico palestinese israeliano Othman Abu al Kiyan

Quando lo scorso fine settimana si è saputo della morte in combattimento in Siria di Othman Abu al Kiyan, beduino palestinese con passaporto israeliano e medico praticante all’ospedale di Ashqelon, i media israeliani sono affannati a sottolineare i rischi per la “sicurezza nazionale” della partecipazione di “cittadini arabi” al progetto di Califfato portato avanti nel sangue dallo Stato Islamico (Daesh in arabo). Le cose sono ben più complesse. Quando ha deciso di unirsi al jihad, Abu al Kiyan non pensava affatto a Israele, paese dove conduceva un’esistenza tranquilla e non aveva mai avuto alcun problema con i servizi di sicurezza....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.