closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’avventore del settimo giorno

Telecrazia. La domenica pomeriggio il presidente del consiglio è quasi sempre in tv. Con quali garanzie di contraddittorio si arriverà al referendum di ottobre?

Viene spontaneo chiedersi, dopo avere visto l’ennesima allocuzione del premier in un contenitore televisivo domenicale, se la medesima cosa possa accadere nella vicina Francia, in Germania o in Gran Bretagna. Se in questi paesi un capo di governo che vuol parlare ai cittadini possa chiedere con una tale facilità, e riceverla, ospitalità ai conduttori dei programmi d’intrattenimento della domenica pomeriggio, sulle reti pubbliche o private. Ebbene da noi è successo quest’anno già parecchie volte. Renzi solo negli ultimi due mesi è andato in televisione il 6 marzo, il 3 aprile, il 17 aprile e il primo maggio, sempre di domenica:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi