closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’aviazione degli alleati colpì l’Iraq per 43 giorni con 250mila bombe

Le cifre del conflitto. Usate anche le micidiali Cluster bomb che minarono il terreno con 10 milioni di ordigni a frammentazione e migliaia di testate all’Uranio impoverito in dotazione a missili da crociera e razzi. I «nostri» 12 Tornado parteciparono al raid con 226 sortite

Nella guerra, denominata «Tempesta del deserto», l’aviazione Usa e alleata effettua in 43 giorni, con 2800 aerei, oltre 110 mila sortite, sganciando 250 mila bombe, comprese quelle a grappolo che rilasciano oltre 10 milioni di submunizioni. Vengono usate dalle forze aeree e terrestri 700-800 tonnellate di proiettili a uranio impoverito, tra cui un milione da 30mm sparati da aerei ed elicotteri, e 14000 da 120 mm sparati dai carri armati. Vengono usate anche migliaia di testate a uranio impoverito, di cui sono dotati missili da crociera e razzi. Affiancano quelle statunitensi forze britanniche (36.000 uomini) e francesi (15.600); l'Arabia Saudita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi