closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

László Krasznahorkai, l’inferno in stile loop

Letteratura ungherese. Magnifico esordio dello scrittore, «Satantango» trasforma lo sfascio postsocialista in una cifra atemporale: uscito nell’85 è ora tradotto per la prima volta da Bompiani

Ci sono libri che attendono a lungo il loro turno prima di essere scoperti e che, una volta emersi dal cono d’ombra in cui sembravano sprofondati, svelano quanto sia sempre parziale e provvisoria la visione che abbiamo di una parte del mondo, e della letteratura stessa. È certamente il caso di Satantango di László Krasznahorkai, opera di esordio per la prima volta tradotta con splendida resa da Dora Várnai, a trentuno anni di distanza dall’uscita, benché universalmente nota (Bompiani (pp. 318, euro  20,00). Un caso appena meno bizzarro se si considera che il testo in questione è stato scritto in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.