closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Lasso dichiara lo stato d’emergenza. Indigeni e lavoratori: misura anti-proteste

Ecuador. Il presidente, in calo di popolarità per lo stallo politico e lo scandalo Pandora Papers, manda l’esercito in nove regioni del paese: «Troppi omicidi e rivolte violente nelle carceri». Ma per le organizzazioni dei nativi è una scusa

Il presidente ecuadoregno Lasso

Il presidente ecuadoregno Lasso

In Ecuador è stato dichiarato lo stato di emergenza come previsto negli art. 164, 165 e 166 della Costituzione che riconosce al presidente della Repubblica il potere di decretare la massima allerta in tutto o in parte del territorio nazionale, in caso di grave crisi interna o calamità pubblica. Con il decreto esecutivo si dispone la mobilitazione delle forze armate in 9 regioni del paese con la collaborazione stretta della polizia nazionale per i prossimi due mesi. Nel resto delle regioni si dispone che la polizia aumenti controllo e vigilanza. La collaborazione tra forze armate e la polizia viene ratificata,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.