closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’assedio della didattica digitale

Scaffale. «La scuola della merce e le esigenze della libera individualità» di Claudio Lucchini, per le edizioni petite plaisance

LaPresse

LaPresse

L’odierna pandemia ha richiamato l’attenzione anche del grande pubblico sulla didattica a distanza, designata come Dad, uno dei tanti ormai insopportabili acronimi la cui diffusione, anch’essa spaventosamente epidemica, va di pari passo con il dilagare del gergo anglo-tecnologico-informatico (in cui la lingua di Shakespeare è umiliata non meno del pensiero di Wiener) connaturato all’utilizzo dei computer, strumento principe, appunto, della Dad: in effetti, già si sta sostenendo che il loro impiego forzato potrebbe essere l’occasione per introdurre innovazioni metodologiche che renderanno più moderno e più efficiente l’insegnamento, anche quando cesserà lo stato d’assedio sanitario. CHE IL RISCHIO, purtroppo, sia proprio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.