closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’asse Biden-Erdogan per proteggere la via di fuga dall’Afghanistan

Ritiro senza pace. Kabul vive la situazione più incerta degli ultimi vent’anni. Talebani all’offensiva, il negoziato in stallo, le truppe straniere che se ne vanno. Agli Stati uniti ora interessa solo la messa in sicurezza dell’aeroporto della capitale, per l’eventuale evacuazione del personale diplomatico

Un agente delle forze di sicurezza afghane sul luogo di un recente attentato a Kabul

Un agente delle forze di sicurezza afghane sul luogo di un recente attentato a Kabul

«Dovremo ripassare il russo, forse imparare il cinese o il turco, chi lo sa!». A Kabul si sdrammatizza, ma si vive la situazione più incerta degli ultimi vent’anni. I Talebani sono all’offensiva, la violenza aumenta, il negoziato è in stallo, le truppe straniere si ritirano, sulla carta entro l’11 settembre, forse già per il 4 luglio. Obiettivo prioritario, per Washington, ora è la sicurezza dell’aeroporto Hamid Karzai della capitale, per l’eventuale evacuazione del personale diplomatico, nel caso che i Talebani cercassero di arrivare qui con le armi. GIOVEDÌ SCORSO JAKE SULLIVAN, consigliere Usa per la sicurezza nazionale, ha detto che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.