closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

L’ascia di guerra sulla chiamata diretta dei docenti è stata sotterrata

"Buona scuola". Accordo sulla mobilità tra i sindacati Flc-Cgil, Cisl e Uil scuola, Snals e la ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli. Una delle cause dello scontro con Renzi è stata rimosso, anche se non mancano le incognite nell'equilibrio tra i poteri del "preside manager" e il consiglio dei docenti

L’ascia di guerra contro la chiamata diretta dei docenti da parte del «preside manager» è stata sotterrata. Uno delle cause che portarono i sindacati della scuola allo sciopero generale contro il governo Renzi nel 2015 sembra essere stata rimossa dall’accordo sulla mobilità dei docenti firmato dal Flc-Cgil, Cisl e Uil, Snals con la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli. Dopo mesi di trattative, e in coerenza con un accordo già stilato con il Miur, è stato ratificato un riequilibrio dei poteri tra il dirigente scolastico e il consiglio dei docenti. Sulla carta risulta che il collegio dei docenti, convocato dal preside, delibererà...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.