closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Laschet in picchiata, il candidato della Cdu travolto dall’alluvione

Germania, verso il 26 settembre. Nervosismo nell’Union: il socialdemocratico Scholz è dato in testa E Angela Merkel richiama gli iscritti ai valori della Cristianità

Armin Laschet, in basso  il socialdemocratico Olaf Scholz

Armin Laschet, in basso il socialdemocratico Olaf Scholz

In caduta libera un mese prima delle elezioni federali, senza più il paracadute della cancelliera-madre che per sedici anni ha garantito che «la Cdu non facesse la fine della Dc italiana», e appesi alla zavorra di Armin Laschet, governatore del Nordreno-Vestfalia e candidato premier che finora si è fatto notare perché rideva durante la visita ufficiale al comune più colpito dall’alluvione. Peggio di così neppure i partner di governo socialdemocratici, che infatti lunedì hanno raggiunto per la prima volta la parità nel sondaggio dell’istituto Insa: Cdu-Csu e Spd 23%, Verdi 17%, liberali 13%, Afd 11% e Linke 7%. E così...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.