closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’aria (nera) che tira, un’Italia senza memoria

Neofascismi. Ad intrecciare figure come Borghese o Graziani, ieri ci fu il Msi, oggi c’è un partito in ascesa: nel simbolo stessa fiamma tricolore ed erede di Almirante persecutore di ebrei nel 1944

Affile (Roma), il flash mob di venerdì promosso dall'Anpi in occasione dell'84esimo anniversario della strage di Debra Libanos (Etiopia)

Affile (Roma), il flash mob di venerdì promosso dall'Anpi in occasione dell'84esimo anniversario della strage di Debra Libanos (Etiopia)

Nei giorni compresi tra il 21 e il 29 maggio 1937, come vendetta per un’azione di guerra realizzata dalla Resistenza etiope che ferì il «vicerè» Rodolfo Graziani. i militari italiani inviati dal fascismo a conquistare l’impero coloniale realizzarono uno dei più efferati crimini di guerra compiuti dalle truppe del regio esercito nella cosiddetta Africa Orientale Italiana. A Debra Libanòs i soldati agli ordini del generale Pietro Maletti sterminarono circa 2000 persone tra preti, diaconi, disabili e studenti dando seguito all’ordine di «liquidazione completa» impartito dallo stesso Graziani ed eseguito con zelo da Maletti. Nei giorni dell’anniversario del massacro l’ANPI ed...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi