closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Arci denuncia «la lunga mano del regime egiziano in Italia»

Diritti umani. L’associazione: «Due episodi inquietanti avvenuti durante la visita dell’attivista Mansour»

La «lunga mano» antidemocratica del regime egiziano, quella che reprime e persegue coloro che si battono per i diritti umani, potrebbe agire anche in Italia. L’allarme viene dall’Arci che ieri ha segnalato due «episodi inquietanti» avvenuti durante la visita a Roma del noto attivista egiziano dei diritti umani Abdelraham Mansour, invitato dall’associazione nell’ambito della sua campagna «Verità e giustizia per Giulio Regeni, diritti umani e democrazia in Egitto». Il primo è avvenuto, racconta il comunicato dell’Arci, martedì 5 luglio, quando «una persona sconosciuta, non accreditata come giornalista per la conferenza stampa di Mansour alla Camera, è stata notata prendere fotografie...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.