closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

L’Aquila, arrestato l’ex vicesindaco Pd

Post terremoto. In manette anche l’imprenditore Massimo Mancini. Sono accusati di corruzione in concorso per la ricostruzione dell’Opera Salesiana

L’ex vicesindaco Roberto Riga all’inagurazione dell’Opera salesiana de L’Aquila

L’ex vicesindaco Roberto Riga all’inagurazione dell’Opera salesiana de L’Aquila

Non è Mafia capitale ma il sistema corruttivo che sembra essere cresciuto nel più grande cantiere d’Europa, quello della ricostruzione post sisma de L’Aquila, inizia a mostra molte similitudini. Ieri sono finiti agli arresti domiciliari l’ex vice sindaco e assessore all’urbanistica Roberto Riga (del Pd) - che a gennaio fu costretto a dimettersi perché indagato per presunte mazzette negli appalti - e un imprenditore edile molto noto in Abruzzo e nel Lazio, Massimo Mancini, anche vicepresidente dell’Aquila Calcio. Entrambi sono accusati dalla procura aquilana di corruzione in concorso per l’aggiudicazione della ricostruzione da 28,5 milioni di euro del complesso edilizio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi