closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

L’angelo perduto di Thomas Wolfe

O lost. Lo straripante romanzo di formazione con cui Thomas Wolfe inaugurò la sua ricerca di un mito americano, esce per Elliot nella sua prima versione

Fra i grandi scrittori americani Thomas Wolfe è in Italia il più trascurato, quello di cui i lettori non perfettamente familiarizzati con la letteratura d’oltreoceano sanno meno. È noto l’elogio postumo che gli venne da Faulkner, il quale lo considerava il più talentuoso della sua generazione, travolto da un «best failure» per aver tentato di dire di più e meglio di tutti gli altri; altrettanto significativa l’attenzione riservatagli da Gilles Deleuze (che lo accolse nel suo pantheon ideale di scrittori angloamericani); e però anche in America Wolfe paga ancora la sua fama di autore debordante, indisciplinato, produttore inesausto e torrenziale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi