closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

L’Angelo Mai torna libero, sabato la festa per la riapertura

Assedio ai movimenti. La preoccupazione è per le famiglie sgomberate dalle Acacie e dall'ex Hertz. Il problema «non è risolto, ma noi non ci siamo mai arresi»

L’Angelo Mai, il centro di cultura indipendente sequestrato dalla magistratura romana il 19 marzo scorso nell'ambito dell'inchiesta sul Comitato popolare di lotta per la casa per il reato di associazione a delinquere, è stato riaperto ieri mattina verso le 11. L’«Osteria di Pina» che, secondo l’accusa, sarebbe stato uno dei luoghi dov’è avvenuta la presunta estorsione ai danni degli occupanti delle ex scuole Hertz e in via delle Acacie entrambe sgomberate, resta ancora sotto sequestro. Sono stati due i provvedimenti con i quali il tribunale del Riesame ha smontato la tesi accusatoria dell'associazione a delinquere intesa a sfruttare le esigenze...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi