closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’angelico e indecifrabile «Sauvage», ragazzo di vita a Parigi

Cannes 71. Il film di Camille Vidal-Naquet presentato in concorso alla Semaine de la Critique. In una Parigi irriconoscibile gli incontri del protagonista con i suoi clienti

Félix Maritaux in «Sauvage»

Félix Maritaux in «Sauvage»

Un appuntamento dal dottore, domande di routine, il lettino, lo stetoscopio. Un ragazzo giovanissimo lamenta una tosse persistente: il medico ausculta il suo respiro. Ma è solo una messa in scena: il ragazzo si prostituisce e il finto dottore è un suo cliente a cui piace mettere in pratica una fantasia erotica. Gli appuntamenti dal medico - veri o inscenati - scandiscono l’epopea di questo ragazzo senza nome (Félix Maritaud, che avevamo visto nel concorso dell’anno scorso in 120 battiti al minuto), il protagonista di Sauvage: l’opera prima di Camille Vidal-Naquet presentata in concorso alla Semaine de la Critique. «Puoi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi