closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

Land grabbing, il furto che affligge il mondo

Land grabbing. I mille modi per accaparrare terre, sottraendole ai contadini, consumando suolo e speculando sui beni alimentari. un fenomeno garantito dalle leggi fondiarie e agevolato perfino dalla Banca mondiale

Si è cominciato a parlare diffusamente di land grabbing, l’accaparramento delle terre, dal 2011, anno del Social Forum Mondiale di Dakar. In quei giorni di febbraio i movimenti contadini senegalesi sfilavano accompagnati dallo slogan «Touche pas a ma terre» (non toccare la mia terra). Qualche mese più tardi, a maggio, l’International Land Coalition, che raggruppa organizzazioni della società civile, contadini, agenzie dell’Onu e centri di ricerca, nella Dichiarazione di Tirana si schierava contro il fenomeno dell’accaparramento delle terre, definendolo come: acquisizione o concessione di terre in violazione dei diritti umani, senza consultazione e consenso delle popolazioni, in assenza di valutazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.