closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’anarchismo coscienza critica e intransigente del vivere civile

Storia. «L’anarchismo. Teoria, pratica, storia» di Andrea Salvatore (DeriveApprodi) dirada la cortina di pregiudizi che nei secoli si è alzata su questa nobile prospettiva politica, offrendo un quadro lucido dei suoi obiettivi critici, delle sue proposte e del suo percorso evolutivo

Immagini dalla storia dell'anarchismo

Immagini dalla storia dell'anarchismo

«Gli anarchici li han sempre bastonati», cantava Guccini nel 1976, riassumendo la storia travagliata di un movimento i cui membri sono sempre stati malvisti, perseguitati, fucilati. Se per vittoria si intende l’imporsi definitivo di un obiettivo, perseguendo l’eliminazione di ogni forma di dominio l’anarchismo ha sempre perso. Eppure sono numerosi i risultati delle lotte anarchiche di cui ancora oggi, inconsapevolmente, tutti beneficiamo. RAPPRESENTANDO una sorta di coscienza critica e intransigente del vivere civile, gli anarchici hanno infastidito il quieto scorrere della storia al punto da meritare la peggior fama, sia essa dovuta a effettive esperienze controverse, come quella delle avanguardie...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi