closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Lampedusa non può dimenticare

3 ottobre. «Vittime non del mare, ma delle nostre leggi». Sull’isola siciliana il ricordo dei 368 migranti annegati nella strage di un anno fa. La sindaca Giusi Nicolini: «Corridoi umanitari per non dover più contare i morti». La protesta di Askasuva. Oggi le conclusioni del festival Sabir

3 ottobre 2013, 368 cadaveri venivano ripescati dal mare. 368 bare, molte delle quali rimaste senza nome, sono state seppellite in vari cimiteri della Sicilia. A Lampedusa non c’era più spazio per le vittime del naufragio avvenuto durante una pericolosa traversata. E i naufragi continuano, solo nel 2014 le vittime sono già 3.000. 3 ottobre 2014, giorno della memoria, non ancora riconosciuta dal parlamento italiano come richiesto dal Comitato 3 ottobre. Ma Lampedusa non dimentica e chiama le autorità italiane ed europee ad assumersi le proprie responsabilità: «Chiamiamo i politici a calpestare i luoghi del dolore per far nascere la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.