closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Lamezia, l’aeroporto era affare dei clan

Calabria. Le connessioni tra il clan Giampà e il Pdl locale. Secondo il Gip il senatore Aiello eletto con i voti della ’ndrangheta. Anche l’hub era controllato

Il senatore badava al sodo. Nella sua frenetica caccia al voto non si faceva problemi. E il boss lo incontrava nel centro cittadino, nelle sfarzose stanze dello studio dell’avvocato. Piero Aiello, il neoparlamentare del Pdl indagato per voto di scambio con l’aggravante mafiosa nell’operazione Perseo contro il quale la Dda di Catanzaro aveva chiesto l’arresto (respinto dal Gip), frequentava con assiduità i mammasantissima dei Giampà, potente cosca di Lamezia. Gli incontri avvenivano negli uffici dell’avvocato Pasquale Scaramuzzino, detto Chicco. Ad ammetterlo è il boss pentito Giuseppe Giampà. «Scaramuzzino ci ha presentato a lui come suoi amici che potevano aiutarlo in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.