closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Lamezia, l’aeroporto era affare dei clan

Calabria. Le connessioni tra il clan Giampà e il Pdl locale. Secondo il Gip il senatore Aiello eletto con i voti della ’ndrangheta. Anche l’hub era controllato

Il senatore badava al sodo. Nella sua frenetica caccia al voto non si faceva problemi. E il boss lo incontrava nel centro cittadino, nelle sfarzose stanze dello studio dell’avvocato. Piero Aiello, il neoparlamentare del Pdl indagato per voto di scambio con l’aggravante mafiosa nell’operazione Perseo contro il quale la Dda di Catanzaro aveva chiesto l’arresto (respinto dal Gip), frequentava con assiduità i mammasantissima dei Giampà, potente cosca di Lamezia. Gli incontri avvenivano negli uffici dell’avvocato Pasquale Scaramuzzino, detto Chicco. Ad ammetterlo è il boss pentito Giuseppe Giampà. «Scaramuzzino ci ha presentato a lui come suoi amici che potevano aiutarlo in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi