closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

L’American revolution di Aretha Franklin

Icone. Con un album omaggio alle «dive» pop e soul ritorna sulla scena l’indiscutibile regina della black music. Con le sue canzoni nei '70 ha parlato di eguaglianza, diritti civili e libertà

Aretha Franklin, nel video la sua recente esibizione al David Letterman Show

Aretha Franklin, nel video la sua recente esibizione al David Letterman Show

Afroamericana attualmente biondissima (anche senza toupet di cui è fanatica collezionista), monumentale, entusiasmante in qualunque testo s’impegni, Aretha Louise Franklin - che ha appena pubblicato una raccolta di dieci cover di altrettante signore della black e pop music, Sings the great Diva classics, è indiscutibilmente la signora della black music dalla voce straordinaria ed emozionante, una persona leggendaria con 18 Grammy Awards e oltre 75 milioni di dischi venduti nel mondo, una bandiera di quella rivoluzione afroamericana anni ‘70, fatta di libertà, eguaglianza e diritti civili. Alla funzione funebre per Martin Luther King, nel 1968, Aretha cantò Precious Lord, la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.