closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’altra metà del seggio

Arabia saudita. Ieri le donne saudite hanno votato per la prima volta: 130mila pioniere alle urne, quasi mille candidate. Tra restrizioni, ostacoli e segregazione di genere: la battaglia per la democrazia non termina con le elezioni

Donne in Arabia saudita

Donne in Arabia saudita

Scortate in auto da un uomo, in fila in seggi separati da quelli maschili: palesi restrizioni in una giornata che resta comunque un momento storico. Per la prima volta l'Arabia saudita - ultimo Stato al mondo, eccezion fatta per il Vaticano - ha riconosciuto il diritto di voto alle donne, elettorato attivo e passivo. Le donne saudite sono da oggi elettrici e candidate. Paese ultra conservatore, fondato su un sistema discriminatorio legalizzato, giustificato con una surreale applicazione della Shari'a (la legge islamica) e mascherato dall'opulenza di grattacieli e centri commerciali, Riyadh ieri ha visto schede elettorali compilate da donne scivolare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi