closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’alta corte del Kenya «salva» Dadaab

Rifugiati. Bocciato il proposito del governo di Nairobi di smantellare il più grande campo profughi del mondo, che ospita oltre 200 mila somali

Il campo di Dadaab visto dall'alto

Il campo di Dadaab visto dall'alto

Enorme agglomerato composto da cinque campi piantati nell’aridissima regione di Garissa, al confine tra Kenya e Somalia, Dadaab tuttora offre rifugio a oltre 200 mila persone. È il campo profughi più grande del mondo e uno dei più tormentati, visto che dall’insediamento della prima tendopoli nel 1992 a oggi le autorità kenyane, che lo gestiscono a fatica insieme all’Onu, hanno provato più volte a chiuderlo. Ultimo tentativo, un ordine emanato in tal senso lo scorso maggio dal governo di Nairobi. Con la scusa che offrirebbe ospitalità ai miliziani di al Shabab, l’organizzazione jihadista che controlla ancora vaste aree della vicina...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi