closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’alibi di un decreto legge per non fare nulla

Negazionismo/intervento. La battaglia contro la rimozione della Shoah non può fermare la ricerca storica

Da pochi giorni il negazionismo è reato. La condanna, prevista nella modifica della legge Mancino, può arrivare fino a sei anni di reclusione. Le camere hanno ignorato l’accademia: non è stata data alcuna importanza alle opinioni di numerosi docenti, quasi tutti concordi sull’inutilità e sulla pericolosità del ddl. Anzi, la discussione parlamentare è stata l’occasione per mostrare i muscoli intorno a un termine. «Pubblicamente» è stato infatti sostituito con la frase «se la propaganda, ovvero l’istigazione e l’incitamento commessi in modo che derivi concreto pericolo di diffusione, si fondano in tutto o in parte sulla negazione della Shoah ovvero dei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.