closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’alchimia iraniana dell’«uomo in rivolta»

Iran. Ali Shariati ha proposto una visione dello sciismo come una questione di lotta di classe e di giustizia sociale. E ancora oggi si confronta con la Repubblica Islamica

Ali Shariati

Ali Shariati

Porsi le domande sbagliate equivale a darsi risposte fallaci. Il cosiddetto mondo «occidentale» si interroga ormai troppo spesso se e quanto l’Islam sia compatibile con la modernità e il progresso. Si chiede se possa mai esistere un Islam «moderato» rispetto a uno «radicale» (dove la parola radicale viene percepita sistematicamente in termini negativi). Si domanda se l’Islam in quanto tale sia da considerarsi intrinsecamente violento, retrogrado o irrazionale. Questo tipo di operazioni implicano un assunto di partenza: che l’Islam sia matrice di conflitto e per sua natura anti-democratico. È tempo di uscire da questa logica binaria lungo la quale si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.