closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’Aja indaga sui crimini dei Talebani e non su quelli Usa: «Risorse limitate»

Corte penale internazionale e Afghanistan. Già raccolte prove di torture, abusi sessuali e omicidi da parte di tutti gli attori del conflitto

Davanti alla base Usa di Panjwai, Kandahar

Davanti alla base Usa di Panjwai, Kandahar

Inchiesta sui crimini dei Talebani e dello Stato islamico, ma non su quelli delle truppe americane, perlomeno non ora. Lunedì Karim Ahmad Khan, il procuratore capo della Corte penale internazionale ha dichiarato di aver sottoposto ai giudici della Corte l’approvazione finale per l’apertura di un’inchiesta su presunti crimini di guerra compiuti in Afghanistan dal 2003, l’anno in cui il governo afghano ha sottoscritto lo statuto di Roma, pur avendo adottato nel 2008 una legge di amnistia e avendo scelto l’impunità come politica istituzionale. KARIM AHMAD KHAN, che sostituisce dal giugno scorso la procuratrice Fatou Bensouda, non ci sono le condizioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.