closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

L’Aifa approva, il vaccino può partire anche in Italia

Al via il 27 dicembre. La somministrazione di Comirnaty, questo il nome commerciale, inizierà all’Istituto Spallanzani di Roma, uno dei luoghi simbolici di questa pandemia. «Nei prossimi mesi si procederà per chiamata, e non su prenotazione».

Un camion entra nel quartier generale della Pfizer, a Puurs in Belgio, per effettuare un carico; in basso il presidente dell’Aifa Giorgio Palù

Un camion entra nel quartier generale della Pfizer, a Puurs in Belgio, per effettuare un carico; in basso il presidente dell’Aifa Giorgio Palù

Dopo l’approvazione dell’Agenzia Europea del Farmaco e della Commissione Europea, ieri è toccato all’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) dare il via libera al primo vaccino anti-Covid prodotto dalla Pfizer e dalla BioNTech. Ora le vaccinazioni possono davvero partire. In Italia, la somministrazione del Comirnaty - questo il nome commerciale del vaccino scelto dalle aziende - inizierà il 27 dicembre all’Istituto Spallanzani, uno dei luoghi simbolici di questa pandemia. La prima a riceverlo sarà un’infermiera perché si inizierà dagli operatori sanitari, circa un milione di persone. Poi verrà il turno delle Rsa (un altro milione tra ospiti e personale) e successivamente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.