closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

«L’agricoltura rigenerativa salva il suolo»

Intervista. L’agronoma Elisa Decarli sulle pratiche agroecologiche per rendere nuovamente fertile un terreno su cui è stata praticata agricoltura intensiva. «Servono anni ma è una transizione necessaria»

L’esaurimento dei fosfati è solo uno dei tanti campanelli d’allarme che ci spinge a cambiare sistema di produzione del cibo, passando a tecniche meno invasive e più rigenerative del suolo e dell’agroecosistema. Una transizione necessaria, ma tutt’altro che facile: ci vogliono molti anni, a volte decine, per rendere nuovamente fertile un terreno su cui si sia praticata agricoltura intensiva per molto tempo. Esistono tuttavia delle tecniche per accelerare questi processi; l’Agricoltura Organica e Rigenerativa (Aor) è una di queste. Abbiamo chiesto a Elisa Decarli, agronoma dello staff tecnico di Deafal, di spiegarci in cosa consiste. Deafal è una Ong che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.