closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

L’affresco che racconta il male di vivere

Scaffale. «Il Trionfo della Morte» conservato a Palazzo Abatellis di Palermo narrato da Michele Cometa, in un libro uscito per Quodlibet

Un particolare del Trionfo della Morte

Un particolare del Trionfo della Morte

Ferdinando Bologna scriveva che «l’affresco del Trionfo della Morte di Palermo…resta più noto che conosciuto». È esattamente così, perché conoscere quel terribile e bellissimo affresco, dipinto sul muro meridionale del cortile di palazzo Sclafani a Palermo, cioè l’arcispedale della città fondato nel 1430, è impresa difficile e faticosa. Ci si misura un libro di Michele Cometa (Il Trionfo della morte di Palermo. Un’allegoria della modernità, Quodlibet, pp. 180, euro 16) che legge l’affresco per il suggestivo tramite della storia dei concetti. Ma la storia dei concetti è necessariamente storia dei concetti espressi, narrati, e nell’opera di Palermo la quantità dei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.