closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

L’addio «a una gigante» nella sua Bolzano

L'ultimo saluto a Lidia . Menapace è stato un fiore dell’Alto Adige, piccola provincia di confine

I funerali

I funerali

«È questo il fiore del partigiano morto per la libertà». C’è tutta Lidia Menapace nelle parole finali di Bella ciao, che anche ieri, compagne e compagni, amiche e amici, le hanno voluto intonare per l’ultimo saluto al cimitero di Bolzano. Menapace è stato un fiore dell’Alto Adige, piccola provincia di confine, ma capace di dare i natali a persone come l’ambientalista e pacifista Alexander Langer, tra i fondatori dei Verdi italiani. Partigiana perché la staffetta «Bruna« della Resistenza amava sempre dire: «Sono ex prof, ex tante altre cose, ma non ex partigiana. Essere partigiane e partigiani èuna scelta di vita»....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi