closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Lacrime e sangue per salvare Deutsche bank dal fallimento

Crisi Bancarie. La banca tedesca sempre più a picco dopo il caso Libor: tagli draconiani all’occupazione. L’istituto è finito anche nei Panama papers. Il piano di rilancio sembra piacere alla borsa

La sede di Deutsche Bank

La sede di Deutsche Bank

La rivoluzione «lacrime e sangue» di Deutsche Bank. Una cura da cavallo per resuscitare la più grande banca tedesca che ha in cassaforte la stratosferica cifra di 48 trilioni di euro in derivati finanziari. Sarà la più radicale ristrutturazione nella storia dell’istituto fondato a Francoforte 150 anni fa: si concluderà fra tre anni con 6,7 miliardi «risparmiati» e la distribuzione di 5 miliardi di dividendi agli azionisti. A PAGARE IL PREZZO saranno i lavoratori: su 97 mila dipendenti ben 18 mila verranno licenziati. Mentre la vera zavorra - 74 miliardi di euro di crediti a rischio - finiranno in una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.