closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Lacrime barocche, un’estasi melodica

Storia dell'arte e musicologia. Da Guido Reni a Bach passando per Baltasar Gracián e la mistica spagnola: torna, da Medusa, il trattato L’eloquenza delle lacrime di Jean-Loup Charvet, storico e contraltista morto a 37 anni nel ’98

Pedro Roldan (Siviglia), Mater Dolorosa,  1670-1675 ca., Berlino, Bode Museum

Pedro Roldan (Siviglia), Mater Dolorosa, 1670-1675 ca., Berlino, Bode Museum

Scomparso appena trentasettenne, alla stessa età di Raffaello e Rimbaud, Jean-Loup Charvet (1961-1998) fu una singolare figura di storico dell’arte, contraltista e musicologo, allievo di James Bowman e Louis Marin, nonché borsista all’École Française di Roma e pensionnaire a Villa Medici. Appassionato lettore di Simone Weil e Pascal, i suoi interessi si concentrarono intorno alla tematica delle lacrime in ambito barocco, con addentellati che si sviluppano, oltre che in ambito musicale, anche in chiave letteraria e figurativa. Il suo capolavoro, L’eloquenza delle lacrime, originariamente pubblicato nel 2000 da Desclée de Brouwer, fu tradotto nel 2001 da Annamaria Carenzi per Medusa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi