closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

L’acquisto precipitoso degli anticorpi monoclonali, che ora giacciono in frigo

Contro il Covid. L’Italia ha comprato decine di migliaia di trattamenti, sembravano una cura miracolosa e invece sono inutilizzati. Gli anticorpi di prossima generazione potrebbero però rivelarsi più efficaci

Il laboratorio della sede di Latina della Bsp Pharmaceuticals

Il laboratorio della sede di Latina della Bsp Pharmaceuticals

Qualcuno ricorderà gli anticorpi monoclonali, la terapia in grado di salvare «il 70% dei pazienti di Covid-19» secondo i suoi promotori. Scienziati illustri in Italia e all’estero, ministri, vice-ministri ed ex-ministri si sono spesi affinché una terapia così promettente, e già approvata negli Usa, fosse adottata anche in Italia senza aspettare l’autorizzazione dell’Ema. Dopo aver opposto qualche resistenza, l’Agenzia Italiana del Farmaco in febbraio aveva dato il suo via libera. Il governo aveva stanziato ben 400 milioni di euro per acquistarne una ricca scorta destinata ai pazienti a rischio. Gli anticorpi, infatti, sono pensati per pazienti positivi con sintomi lievi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi