closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’accusa al papa: «Sapeva degli abusi sui minori negli Usa»

Vaticano. Francesco ignorò le informazioni contro l’arcivescovo di Washington McCarrick, dice mons. Viganò. Anche la sua denuncia però arriva in ritardo

Papa Francesco al Festival delle Famiglie a Dublino, lo scorso fine settimana

Papa Francesco al Festival delle Famiglie a Dublino, lo scorso fine settimana

C’è una spina nel fianco del pontificato di papa Francesco che periodicamente ritorna in superficie e sembra impossibile estrarre: la pedofilia del clero. Stavolta le accuse, formulate da un alto prelato, mons. Carlo Maria Viganò, già nunzio apostolico (ambasciatore) negli Usa, toccano direttamente il papa. Francesco avrebbe ignorato le informazioni che lo stesso Viganò gli avrebbe comunicato circa gli abusi su minori e seminaristi compiuti dall’ex arcivescovo di Washington, Theodore McCarrick (oggi 88 anni), destituito da cardinale solo lo scorso 27 luglio, quando il pontefice ne ha accettato le dimissioni, disponendo contestualmente «la sua sospensione dall’esercizio di qualsiasi ministero pubblico»...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.