closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’abusivismo di necessità è un vecchio alibi

Licata. La speculazione mafiosa siciliana e meridionale trova grandi alleati su un territorio in cui molte operazioni sono espressioni dell’attuale finanziarizzazione dell’economia e della politica

Il caso del sindaco Cambiano a Licata, «rottamato» dal consiglio comunale per il suo piano di abbattimento di case abusive, anche con gravi minacce, purtroppo, non sorprende. Ed è un sintomo del livello di conflitto in atto tra chi intende ripristinare il diritto a fruire collettivamente del territorio e chi cavalca gli interessi di coloro che intendono negarlo. Assumendo così i connotati di occupazione abusiva di spazi altrimenti destinati. Interessi che ritroviamo in moltissime operazioni che negano le regole ecologiche, culturali e insediative dell’urbanistica, spesso con la copertura di normative create ad hoc, dalle grandi opere ai centri commerciali, dai...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.