closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

L’Abruzzo taglia diecimila ettari di Parco

Ambiente . Accontentata la lobby della caccia. Ambientalisti: Cingolani impugni questo scempio

Abruzzo, Gran Sasso

Abruzzo, Gran Sasso

La sforbiciata è stata inflitta. Netta. Il Consiglio regionale d’Abruzzo, con il voto del centrodestra, ha ulteriormente ridimensionato quella che, storicamente, era già l’area protetta più tagliata d’Abruzzo. Rifilature, anche accorpandole, erano già state apportate nel ’98, nel 2000 e poi nel 2011. Ora ai 54.361 ettari del Parco naturale regionale Sirente-Velino sono stati sottratti circa altri 10mila ettari. Una riperimetrazione che fa gridare allo scandalo. Che, tuonano i 5 Stelle, serve per «favorire le doppiette» e «liberare boschi per lo sfruttamento del patrimonio arboreo». «LEGA, FRATELLI D’ITALIA e Forza Italia hanno cancellato una larga porzione di Parco - attacca...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi