closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

La vita in plastica, solo un’incrinatura nel verosimile

Narrativa latinoamericana. Cavie umane sperimentano una droga contro il male di vivere: dietro il romanzo del combiano Juán Cárdenas, una critica alla pretesa di trovare rimedi tecnico-scientifici alle nostre ansie: «Ornamento», da Sur

Alejandro Obregon, Violencia, 1962

Alejandro Obregon, Violencia, 1962

Una droga miracolosa riequilibra gli stati d’animo e genera continua eccitazione sessuale: queste le caratteristiche della sostanza che viene sintetizzata nel laboratorio dove lavora il protagonista del romanzo di Juán Cárdenas, Ornamento (traduzione di Chiara Muzzi, Sur, pp. 135, € 15,00). In un luogo investito da un lieve grado di rappresentazione distopica, che inizialmente sembra potersi collocare in un punto indefinibile del mondo globalizzato, ma che progressivamente assume tratti più spiccatamente latinoamericani, si muovono i personaggi del romanzo. Quattro donne fanno da cavie, in un laboratorio situato in una città che ha tratti surreali, eccentrici e tuttavia di poco si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi