closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

La vita davanti al mercato

La somma delle crisi. Il capitalismo contemporaneo ha accentuato una vecchia dicotomia «tra lavoro e bisogni»

In Italia si avverte uno scarto insopportabile tra il discorso pubblico della politica e la realtà delle cose. I segni della pandemia sulla società sono già profondi, ma non c’è alcun cambiamento nell’approccio ai problemi sul tappeto. Il tema è come l’economia di mercato possa superare questa fase di difficoltà, non come uscire dalla pandemia in modo diverso da come ci siamo entrati. C’è molta retorica anche sulle nuove risorse europee, sulle due transizioni, quella «verde» e quella «digitale». Ma senza un cambiamento dei paradigmi socioeconomici dominanti non si otterranno risultati apprezzabili dal lato delle condizioni materiali di vita delle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi