closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

La vita ai bordi di Monte Inferno

Documentario. Attorno alla megadiscarica di Borgo Montello tra "Gomorra" e "Sacro Gra"

«Quando sono venuto qui, mi è piaciuto prima di tutto l’ambiente selvaggio, al livello delle foreste pluviali dell’Amazzonia, con l’acqua del fiume che scorreva chiara, limpida», racconta uno dei protagonisti del documentario Monte Inferno alla regista Patrizia Santangeli. Come gran parte delle persone che vivono attorno alla discarica di Borgo Montello, a pochi chilometri da Latina, ha un rapporto stretto con la campagna. Discendono tutti dai veneti e friulani arrivati nell’agro pontino per la campagna di bonifica avviata dal Duce e ora, per una sorta di nemesi storica, si trovano a fare i conti con l’inquinamento di quelle terre che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.